La Giunta regionale del Lazio ha approvato questa mattina con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani Lazio per la costituzione di una struttura operativa per il supporto al sistema territoriale laziale in vista della programmazione europea 2021/2027, della programmazione Next Generation EU e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, denominata “Osservatorio Sviluppo Lazio” ed è finanziata con 700 mila euro.

Il Lazio – commenta Daniele Leodori, vicepresidente della Regione Lazio – è pronto a mettere in atto il supporto necessario ai comuni per sfruttare a pieno l’occasione che ci arriva dall’Europa. La crisi dovuta al Covid 19 è stata prima sanitaria e poi economico-sociale, chiamandoci ad uno sforzo, organizzativo e di prospettiva, capace di innescare gli elementi imprescindibili per ripartire in modo più inclusivo e migliore di quanto non fosse prima della pandemia. Come Regione quindi vogliamo assicurare ai comuni del Lazio un supporto concreto, capace di favorire l’accesso alle ingenti risorse UE anche alle realtà più periferiche del territorio. Questo è lo scopo del protocollo e delle risorse investite dalla Giunta Zingaretti: per ripartire prima significa prima di tutto collaborare ed andare avanti insieme. Un ringraziamento particolare va dunque all’Anci per la condivisione degli obiettivi e delle ambizioni“.

Un risultato importante per Anci Lazio, per i comuni associati e per tutti i cittadini del territorio – dichiara il Presidente Riccardo Varone -. Il protocollo d’intesa firmato con la Regione segue un percorso ormai avviato da tempo che vede queste due realtà interagire, collaborare e confrontarsi su tutte le questioni più importanti. Un meccanismo ben oliato che funziona alla perfezione e che oggi produce questo accordo che risulterà cruciale per i comuni del Lazio. Un grazie va agli uffici della Regione, al vicepresidente Leodori e all’assessore Valentina Corrado che hanno saputo, con sensibilità e visione del futuro, pensare e promuovere un documento che è il fulcro di un lavoro più grande e un faro nella complessa realtà della programmazione europea

I comuni del Lazio non possono perdere il treno che sta per passare: fondi europei, il Recovery Found, il PNRR sono elementi fondamentali per la ripartenza del Paese e della nostra regione, non è possibile farsi trovare impreparati.
Il supporto che Anci Lazio e la Regione possono dare alle realtà più piccole e meno strutturate in questa fase può essere cruciale per il futuro di tutti i territori.
Turismo, cultura, enogastronomia ma anche infrastrutture e servizi ai cittadini, una rete infinita di possibilità che devono essere valorizzate e sfruttate con consapevolezza e professionalità, senza che si lasci nulla al caso.
Questo protocollo d’intesa si prefigge questo, fornire competenze ai nostro comuni
“. Il commento del delegato Anci Lazio alle Politiche Europee, Manuel Magliocchetti.

“Le ferite lasciate dalla crisi pandemica sono evidenti, per questo è necessario incentivare la ripresa socio-economica dei territori. È fondamentale in questa fase affiancare le amministrazioni locali nonché seguire buone pratiche di semplificazione amministrativa per promuovere e gestire in modo efficace gli investimenti in vista soprattutto delle misure nazionali ed europee messe in campo per sostenere la ripresa.
Realizzare un programma di assistenza chiaro rivolto ai comuni e agli enti locali e promuovere un percorso progettuale con misure precise, trasparenti ed efficaci è la chiave per rendere efficaci gli interventi attuati. Il protocollo d’intesa tra la Regione Lazio e ANCI rappresenta in tal senso un nodo fondamentale. Il fine ultimo è rendere maggiormente attrattiva la nostra Regione in termini turistici ed economici, ma anche in termini di investimenti”
, conclude l’assessore al Turismo, Enti locali, Sicurezza urbana, Polizia locale e Semplificazione amministrativa, Valentina Corrado.