Anci Lazio

Chi Siamo

L’Anci Lazio, nata il 28 luglio 1972, come Associazione Regionale, raccoglie 370 Comuni Associati (rappresentativi del 99% della popolazione laziale) sui 378 totali della Regione.

Sono soci i Comuni che, con delibera di Consiglio o di Giunta, hanno voluto aderire all’Associazione per dare voce ai Comuni del Lazio.

L’Anci Lazio oggi è il principale referente e interlocutore delle istituzioni regionali su tanti temi di interesse dei Comuni.

Rappresenta i Comuni Laziali nei confronti della Regione e, d’Intesa con l’Associazione Nazionale, nei confronti dello Stato, nonché nei confronti della Comunità europea per il tramite della Regione.

Il servizio ai Comuni come missione

“ANCI Lazio rappresenta i propri associati nei rapporti con la Regione, avendo particolare riguardo alle peculiarità, alle prerogative, agli interessi delle singole comunità”.

Si apre così l’articolo 4 dello statuto di Anci Lazio. Poche parole che rappresentano, con una potente sintesi, gli scopi della nostra Associazione. Nel corso degli ultimi anni e alla luce delle numerose riforme che sono state portate avanti dai governi che si sono succeduti, il ruolo dei Comuni è diventato sempre più importante per il benessere dei cittadini.

Al contempo, però, gli strumenti in mano agli amministratori locali sono stati ridimensionati e, spesso e volentieri, resi poco incisivi. Per questo motivo, a maggior ragione in un panorama politico sempre più interconnesso con Istituzioni nazionali e sovranazionali, poter contare su un soggetto in grado di attuare e tutelare le autonomie locali sancite dalla Costituzione è diventato di fondamentale importanza per tutti.

Specialmente durante la pandemia il ruolo di Anci Lazio è venuto fuori in maniera prorompente. È stato un faro per i Comuni e le amministrazioni laziali, chiamate a fronteggiare una crisi senza precedenti e dalle conseguenze difficilmente calcolabili.

È stato un mezzo tramite il quale sindaci, consiglieri e dipendenti comunali sono potuti rimanere in contatto tra loro, mettendo in campo azioni e strategie condivise per rimanere al fianco dei cittadini.

Questo ruolo l’Anci Lazio lo ha sempre svolto e continuerà a svolgerlo. Finita la pandemia, Anci Lazio ha voluto subito riprendere quel percorso di formazione ed informazione che rappresenta, a tutti gli effetti, il cuore stesso dell’Associazione. Dei principi cardine evidenziati e sottolineati nello statuto dell’Associazione, quest’ultima divenuta ormai un modello di cooperazione e collaborazione tra gli amministratori locali. All’interno dell’Anci Lazio viene infatti meno la dialettica politica incentrata sulla polemica a favore di uno sforzo per trovare soluzioni per i problemi dei Comuni.

Mi auguro, e ne sono convinto, che l’Anci Lazio continui a crescere nei prossimi anni, confermandosi un partner privilegiato della Regione Lazio per la realizzazione di progetti di alta caratura sociale, in particolare per il superamento delle disuguaglianze e per la realizzazione di quella tanto agognata autonomia dei Comuni.