Anci Lazio

Training Camp Ventotene

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati dalla portata di alcune parole chiave (quali Agenda 2030, Green Deal, Next Generation EU, Transizione Ambientale/Energetica, Transizione Digitale, Specializzazione Intelligente) che hanno orientato le azioni di tutti i Governi nazionali modificando paradigmi consolidati.

Il cambiamento che ha fatto seguito agli eventi Pandemia – prima – e invasione dell’Ucraina – poi, con le conseguenze che hanno richiesto politiche di risposta immediata e adeguata al determinarsi delle condizioni di crisi, impatta anche a livello locale, imponendo ritmi serrati e sforzi amministrativi senza precedenti, determinando la necessità di una piena consapevolezza delle opportunità messe in campo ai diversi livelli di governance.

Gli amministratori degli enti locali sono chiamati ad operare sul territorio al fine di tutelarlo e accrescerne il patrimonio sociale, culturale, economico. L’operato degli amministratori si traduce a sua volta in politiche che determinano lo sviluppo verso direzioni che sono tanto più incisive quanto più sono in grado di evolvere in sinergia con gli strumenti programmatici elaborati a livello unionale, nazionale e regionale.

La convergenza di strumenti programmatori impone agli amministratori, mai come ora, la necessità di “prima conoscere, poi discutere, poi deliberare” (come diceva nella più conosciuta delle sue Prediche inutili Luigi Einaudi) al fine di operare al meglio nei confronti di quei soggetti che rappresentano il fine ultimo dell’intervento amministrativo: il capitale umano e l’ambiente sociale, l’imprenditorialità e i sistemi produttivi, il patrimonio culturale e quello naturale.

Ancora una volta ANCI Lazio intende condividere con gli ospiti del Training Camp Ventotene una visione coordinata e approfondita dello sviluppo territoriale. Raccogliere esperienze, esigenze e suggerimenti da rappresentare agli organi decisionali affinché questi ne tengano conto nelle proprie sedi e nelle proprie azioni di governo.